Caserta, operazione della Polizia di Stato per la cattura di un latitante: condannato a 19 anni di carcere

Caserta, operazione della Polizia di Stato per la cattura di un latitante: condannato a 19 anni di carcere

L’attività di spaccio di cocaina, crack e hashish, proveniente per lo più dal comune di Caivano, avveniva principalmente nel quartiere di San Clemente di Caserta


Dall’alba di questa mattina, la Polizia di Stato di Caserta, con il supporto di un elicottero del Reparto Volo di Napoli, è impegnata in una serie di perquisizioni, finalizzate alla localizzazione e cattura del latitante Belvedere Luigi, di Caserta. Le attività di ricerca seguono alla condanna, in via definitiva, della scorsa settimana a quasi 19 anni di carcere.

Insieme a lui, sono stati condannati, in via definitiva, a pene che vanno da uno a cinque anni di carcere, ed arrestati dalla Squadra Mobile, poiché responsabili del reato di associazione finalizzata al traffico di sostanze stupefacenti, Ferrante Gaetano, nato il 16.05.1996 a Capua (4 anni, 11 mesi e 19 giorni di reclusione), Piscitelli Salvatore, nato il 05.06.1962 a Limatola (5 anni e 19 giorni di reclusione) e De Lucia Vincenzo, nato il 02.04.1970 a Caserta (1 anno, 11 mesi e 28 giorni di reclusione).

L’attività di spaccio di cocaina, crack e hashish, proveniente per lo più dal comune di Caivano, avveniva principalmente nel quartiere di San Clemente di Caserta, dove fu trovata una vera e propria raffineria per la preparazione, il confezionamento e la successiva commercializzazione della droga. In particolare gli arrestati, con differenti ruoli, hanno preso parte all’associazione capeggiata da Belvedere, che, negli anni 2016 – 2018, era la più importante organizzazione nella vendita di sostanze stupefacenti nelle province di Caserta e Napoli.

Belvedere, sfuggito alla cattura, latitante dal 2020, è attivamente ricercato sul territorio nazionale e nell’hinterland campano.