Napoli, viola il divieto di avvicinamento ai genitori e minaccia i poliziotti: arrestato 39enne

Napoli, viola il divieto di avvicinamento ai genitori e minaccia i poliziotti: arrestato 39enne

A lanciare l’allarme proprio il padre e la madre terrorizzati dalla presenza del giovane sotto casa loro


NAPOLI – Si è presentato sotto casa dei genitori nonostante il divieto di avvicinamento. Poi, all’arrivo della polizia, ha inveito contro gli agenti minacciandoli. Per questi motivi un 39enne napoletano è finito in manette. È accaduto dopo l’intervento degli agenti del Commissariato Poggioreale in un appartamento in zona Arenaccia: la segnalazione era di persone in difficoltà.

I poliziotti, giunti immediatamente sul posto, sono stati avvicinati da un uomo ed una donna che, in evidente stato di agitazione, hanno raccontato che il figlio, poco prima, nonostante avesse un divieto di avvicinamento, aveva bussato insistentemente al citofono per poi allontanarsi.

Mentre gli agenti parlavano con la coppia per capire cosa stessa accadendo, il citofono ha ripreso a suonare ripetutamente portando gli agenti stessi a verificare in strada. Ed è qui che hanno trovato il 39enne il quale, alla loro vista, ha iniziato ad inveire contro di loro fino a quando non è stato bloccato.

Per questo motivo l’uomo, già con precedenti di polizia, è stato arrestato: le accuse sono inottemperanza al provvedimento a cui era stato sottoposto e minacce a Pubblico Ufficiale.