Tragedia in Sicilia: donna e bambino disabile cadono in un pozzo, il piccolo è deceduto

Tragedia in Sicilia: donna e bambino disabile cadono in un pozzo, il piccolo è deceduto

In seguito alla caduta del piccolo, la donna di 54 anni si è precipitata a salvarlo. Inutile l’intervento dei Vigili


SIRACUSA – Una terribile tragedia ha colpito la comunità di Palazzolo Acreide, nel Siracusano, dove una donna di 54 anni e un bambino di 10 anni sono caduti in un pozzo artesiano, per metà pieno d’acqua, profondo circa 15 metri. La donna è stata recuperata viva e affidata alle cure del 118, ma purtroppo il bambino è morto.

Secondo le prime ricostruzioni dei vigili del fuoco di Siracusa e dei carabinieri, l’incidente è avvenuto durante un’escursione organizzata dall’Anffas (Associazione Nazionale Famiglie di Persone con Disabilità Intellettiva e/o Relazionale). Il bambino, diversamente abile, stava partecipando alla gita quando si è avvicinato al coperchio del pozzo, che ha ceduto facendolo cadere all’interno. La donna, un’operatrice di 54 anni, ha tentato di salvarlo, ma è caduta anch’essa nel pozzo. Il corpo del bambino è stato recuperato dai sommozzatori dei vigili del fuoco.

La procura di Siracusa ha aperto un’indagine per omicidio colposo, ancora a carico di ignoti, per chiarire le circostanze della morte del bambino e verificare se il pozzo fosse adeguatamente segnalato.