Comprava abiti usati presi dai contenitori e li rivendeva in Ucraina: denunciato 79enne

Comprava abiti usati presi dai contenitori e li rivendeva in Ucraina: denunciato 79enne

A Chiaiano trovato un garage pieno di vestiti maleodoranti pronti per essere smistati illegalmente


NAPOLI – Un vero e proprio business, illecito, dal quale otteneva cospicui guadagni. Tutto partiva dai contenitori degli abiti usati, acquistati illegalmente da chi, a sua volta in maniera fuorilegge, li prelevava dalla strada e rivenduti all’estero. Una filiera di illegalità bloccata dalla Polizia Locale di Napoli che ha scoperto locali zeppi di abiti usati e, dopo aver scoperto il responsabile, un 79enne napoletano, lo ha denunciato.

L’operazione è stata condotta dagli agenti dell’Unità Tutela Ambientale, guidati dal Comandante Gabriele Salomone, sotto il coordinamento del Comandante Generale Ciro Esposito, alla quale era arrivata una segnalazione. I caschi bianchi sono arrivati a Chiaiano dove, all’interno di un garage di proprietà della famiglia, l’uomo aveva una quantità inverosimile di abiti usati. Sorpreso a sistemarli in pacchi e contenitori, il 79enne non ha saputo fornire alcuna spiegazione né autorizzazione a ciò che stava facendo. L’uomo, già noto alle forze dell’ordine per precedenti quali sfruttamento della prostituzione e furto in abitazione, illecitamente acquistava gli abiti da chi li preleva illecitamente dai contenitori di abiti usati sul territorio cittadino e li rivendeva in Ucraina. Il tutto dopo aver stipato in un locale di circa 100 metri quadrati tutti quelli che provenivano dalla stessa zona di Chiaiano e dal Vomero. Gli Agenti hanno sottoposto a sequestro preventivo ex art. 321 c.p.p. il box e gli indumenti in esso rinvenuti deferendo all’autorità giudiziaria il soggetto ex art 256 del Dlgs 152/2006 per l’accertata gestione illecita dei rifiuti.

Il 79enne è stato poi anche denunciato per riciclaggio in quanto in possesso di una Lancia Y, nascosta da un telo nelle immediate vicinanze del box, con una targa appartenente ad una Daewoo di sua proprietà dell’indagato, non corrispondente al veicolo sul quale era apposta.