“Correte vuole lanciarsi dal balcone”, ma era un ladro in fuga: 36enne arrestato a Castellammare

“Correte vuole lanciarsi dal balcone”, ma era un ladro in fuga: 36enne arrestato a Castellammare

L’uomo era rimasto appeso al cornicione dopo essere stato scoperto dal vicinato a rubare in un appartamento


CASTELLAMMARE DI STABIA – “Un uomo sta tentando il suicidio, vuole lanciarsi dal balcone!”. Questo l’allarme lanciato al 112 a Castellammare di Stabia la scorsa sera. I Carabinieri della locale stazione corrono a sirene spiegate verso l’obiettivo, vale a dire un appartamento sito al terzo piano di un palazzo in via San Catello. L’immagine di fronte ai militari è quella di un uomo di circa 40 anni aggrappato al cornicione mentre in strada tante persone che, anziché chiedere ai carabinieri di aiutarlo, spingono per ik sui arresto. Non si tratta, dunque, di un tentativo di suicidio ma quell’uomo attaccato con tutte le sue forze al cornicione che risponde al nome di Armando Cimmino, 36enne di Casola di Napoli e già noto alle forze dell’ordine, poco prima era entrato nell’appartamento di un 70enne pensionato mettendolo a soqquadro l’appartamento per rubare qualsiasi cosa potesse avere valore.

Sorpreso dal vicinato, il 36enne aveva tentato la fuga scappando dalla finestra dell’appartamento ma l’altezza lo aveva bloccato.

Il proprietario di casa, fino a quel momento a Sorrento, una volta arrivato a casa ha visto l’interno della stessa in compagnia dei carabinieri notando che la camera da letto da dove era fuggito l’uomo era chiusa a chiave dall’interno. I vigili del fuoco, giunti sul posto dopo l’allarme, hanno salvato il 36enne subito arrestato dai carabinieri: è in attesa di giudizio e dovrà rispondere di tentato furto.