Napoli, 21enne in preda all’alcool aggredisce passante e carabinieri: in manette

Napoli, 21enne in preda all’alcool aggredisce passante e carabinieri: in manette

Il giovane marocchino è stato arrestato dopo aver aggredito i carabinieri e danneggiato una pattuglia


Questa notte, le zone della movida universitaria, i quartieri San Giuseppe e il centro storico di Napoli sono stati presidiati da decine di carabinieri.

Il primo intervento significativo è avvenuto in via Mezzocannone, dove la movida attorno all’Università Federico II era in pieno svolgimento. Un 21enne marocchino, evidentemente alterato da alcol e droghe, ha iniziato a urlare in strada e aggredire un passante senza motivo apparente. La situazione è degenerata rapidamente, ma i militari stazionati in una via adiacente, sono intervenuti prontamente. Il giovane è dapprima fuggito, poi ha tentato di nascondersi sotto un’auto parcheggiata.

Alla vista dei carabinieri, il 21enne ha reagito violentemente, aggredendo i militari, e continuando a inveire una volta bloccato e messo nella pattuglia, spaccando il finestrino e danneggiato la portiera con calci. Durante il trasporto, il giovane ha continuato a colpire la gazzella con testate, rendendo necessario l’intervento di un’ambulanza per tentare di sedarlo. Addosso al giovane sono stati trovati tre cellulari e documenti di un’altra persona, di cui non ha saputo giustificare il possesso. È stato arrestato per ricettazione, resistenza e violenza a pubblico ufficiale.

Durante la stessa operazione di controllo, sono stati ottenuti altri risultati significativi: quattro persone sono state trovate in possesso di armi, tre con un coltello a serramanico e una con un martello. Numerose sono state anche le sanzioni al codice della strada, in particolare contro i motociclisti che circolavano nell’area pedonale di piazza Dante. Sequestrati cinque veicoli.