Prostituzione nei centri benessere, arresti e denunce: perquisizioni anche a Napoli e Benevento

Prostituzione nei centri benessere, arresti e denunce: perquisizioni anche a Napoli e Benevento

Blitz scattato dopo le indagini su personaggi legali alla criminalità cinese


ITALIA – Prestazioni sessuali a pagamento dissimulate con attività professionali inesistenti. Il tutto condito anche da una dettagliata pubblicità su specifici siti web. È scattato questa mattina all’alba il blitz della Polizia di Stato in 27 province. Tra queste figurano anche Napoli e Benevento.

Gli agenti hanno smantellato una fitta rete di prostituzione che, in alcuni casi, vedeva tra le protagoniste anche ragazze minorenni. Un’indagine dettagliata che ha riguardato soggetti collegati alla criminalità organizzata soprattutto della Cina.

Controlli e perquisizioni in appartamenti ed esercizi pubblici hanno permesso di accertare che le prestazioni sessuali a pagamento erano “nascoste” in centri benessere risultati essere, dunque, tutt’altro. In totale sono stati 51 gli stranieri irregolari identificati dei quali 26 risultavano già espulsi: 7, invece, le persone arrestate e 71 quelle denunciate. Sequestrate armi e oltre 10mila euro in contanti. Accertata la vendita illegale di Viagra e trovate numerose dosi di cocaina, hashish e eroina.