Sant’Antimo, uccise il genero e la nuora perchè credeva fossero amanti: condannato

Sant’Antimo, uccise il genero e la nuora perchè credeva fossero amanti: condannato

Le vittime, freddate a colpi di pistola, erano rispettivamente marito e moglie dei figli gemelli del 44enne


SANT’ANTIMO – Raffaele Caiazzo (a destra nella foto dell’articolo, a sinistra le vittime), in carcere con l’accusa di avere ucciso a colpi di pistola a Sant’Antimo (Napoli) il genero e la nuora, rispettivamente marito e moglie dei figli gemelli, perché convinto che fossero amanti, è stato condannato all’ergastolo con isolamento nelle ore diurne dalla corte d’assise di Napoli. L’omicidio avvenne una mattina dei primi di giugno del 2023. Le vittime, Maria Brigida Pisacane e Luigi Cammisa, avevano entrambe due figli. Ad anticipare la notizia è rainews24.it