Uccide il fratello a coltellate, lo decapita e lancia la testa dal balcone: choc nel Beneventano

Uccide il fratello a coltellate, lo decapita e lancia la testa dal balcone: choc nel Beneventano

Si tratterebbe di una lite finita in tragedia: è stato lo stesso 59enne ad auto denunciarsi. La vittima ha 65 anni


CAMPANIA – Forse una lite, per motivi ancora da decifrare. Poi la rabbia, la follia, le coltellate, l’orrore. Una tragedia, un paese sotto choc. È la sintesi di quanto accaduto a Pannarano, nella zona di Montesarchio, in provincia di Benevento, dove un uomo avrebbe ucciso il fratello, lo avrebbe decapitato e poi avrebbe buttato la testa giù dal balcone.

Come si legge su Fanpage, l’uomo, 59 anni, stato interrogato tutta la notte e poi trasferito nel carcere di Benevento. La vittima è il fratello di 65 anni. I due, secondo le prime ricostruzioni, vivevano insieme nella stessa casa. Ed è qui che avrebbero avuto una lite culminata con la follia e l’orrore. Ma sono ancora molti i punti oscuri sulla vicenda sui quali indagano i carabinieri di Montesarchio,

Quel che si sa è che a chiamare il 112 è stato proprio il 59enne che ha denunciato l’accaduto ai militari dell’Arma.

Una scena terribile quella dinanzi alla quale si sono trovati i carabinieri e, successivamente, i vigili del fuoco. Il 65enne, stando ad una prima ricostruzione, sarebbe stato raggiunto da diverse coltellate all’addome e soprattutto al collo, circostanza quest’ultima che gli avrebbe reciso la testa.

Il corpo della vittima è stato trasportato all’obitorio dell’ospedale “San Pio” di Benevento mentre il magistrato ha disposto l’autopsia. In manette il 59enne.