Usura, estorsione e tentata rapina per conto di un noto clan: cinque arresti nel napoletano

Usura, estorsione e tentata rapina per conto di un noto clan: cinque arresti nel napoletano

Gli illeciti sarebbero stati realizzati suscitando nelle persone offese uno stato di terrore, essendo stato evocato il potere criminale dell’organizzazione camorristica


NAPOLI/TORRE ANNUNZIATA – Per delega del Procuratore Distrettuale di Napoli, si comunica che personale della Polizia di Stato ha eseguito una ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal GIP del Tribunale di Napoli, su richiesta della Direzione Distrettuale Antimafia, nei confronti di cinque persone gravemente indiziate, a vario titolo, dei reati di usura, estorsione e tentata rapina, aggravati dal cd. metodo mafioso.

In particolare, dall’attività di indagine, esperita dagli agenti della Squadra Mobile di Napoli e del Commissariato di Torre Annunziata, sarebbe emerso:

–         un rapporto di tipo usurario in danno delle vittime;

–         il ricorso ad una serie di violenze poste in essere nei confronti di queste per ottenere il pagamento degli interessi usurari;

–         il tentativo di rapina del telefono cellulare di una delle vittime.

Gli illeciti sarebbero stati realizzati suscitando nelle persone offese uno stato di terrore, essendo stato evocato il potere criminale dell’organizzazione camorristica conosciuta come clan Gionta, operante sul territorio di Torre Annunziata.

Il provvedimento eseguito è una misura cautelare disposta in sede di indagini preliminari, avverso cui sono ammessi mezzi di impugnazione e i destinatari della stessa sono persone sottoposte alle indagini e, quindi, presunte innocenti fino a sentenza definitiva.