Arzano piange Giustino e prega per gli altri tre feriti nell’incidente di stanotte ad Aversa

Arzano piange Giustino e prega per gli altri tre feriti nell’incidente di stanotte ad Aversa

Il giovane era alla guida della Toyota che si è schiantata contro un palo della luce. Ancora incerte le cause della sbandata


AVERSA – I segni del terribile schianto nei pressi dell’ospedale Moscati di Aversa, che è costato la vita al giovane arzanese Giustino Procino, 23 anni, sono ancora evidenti.

Una sbandata a forte velocità, per cause ancora da chiarire, ha scritto un finale tragico ad una serata di divertimento per quattro ragazzi a bordo di quella Toyota che, invece, si è fermata con violenza contro un palo dell’illuminazione.

Resta ancora in prognosi riservata il più grave dei tre feriti, il 20enne trasportato al Cardarelli privo di conoscenza e con il corpo segnato da numerose fratture. Il personale medico lo tiene sotto stretta e costante osservazione e – come spesso accade in questi casi – le prime 24/48 ore sono fondamentali per capire lo sviluppo dei traumi, soprattutto quelli relativi alla testa. Meno preoccupanti, invece, le condizioni degli altri due feriti, che invece sono rimasti al Moscati di Aversa.

La comunità di Arzano, stravolta dalla notizia arrivata nella notte, si prepara a salutare Giustino, un giovane ben voluto da tanti, come testimoniano i numerosi messaggi che affollano i social network in queste ore. Ma intanto il pensiero va ai feriti, con la preghiera che il bilancio non diventi ancora più pesante e che i tre possano al più presto far ritorno a casa dai propri cari.

LEGGI ANCHE:

DRAMMA GIUSTINO: ERA APPENA DIVENTATO PADRE

TRAGEDIA SULLA VARIANTE, MUORE UN 23ENNE DOPO UNA SERATA IN DISCOTECA