Da Giugliano alla Mostra del Cinema di Venezia: il corto girato in città approda in laguna

Da Giugliano alla Mostra del Cinema di Venezia: il corto girato in città approda in laguna

Protagonista Kelly Logan, la star della soap opera Beautiful. Abbiamo intervistato il produttore, Gaetano Agliata, giuglianese d.o.c.


GIUGLIANO – “Ciao Nina”, il cortometraggio che ha visto protagonista Kelly Lang, la Brooke Logan (al centro nella foto in alto) della soap opera “Beautiful” e che è stato girato tra Giugliano e Villaricca, sbarca a Venezia. Il corto, che ha come tema principale quello della violenza sulle donne, verrà presentato al Lido di Venezia il prossimo 8 settembre. Abbiamo incontrato il produttore, Gaetano Agliata (a destra nella foto in alto) 52 anni, giuglianese doc, che gestisce diverse attività: un’accademia di moda, un autonoleggio ed un’impresa edile.

Come mai la scelta di Giugliano e Villaricca come location per il cortometraggio da lei prodotto?

“Volevo fare qualche cosa di buono e dimostrare, qualora ce ne fosse bisogno, che Giugliano non è solo Terra dei Fuochi o criminalità ed altre problematiche. Qui si può costruire e dare messaggi sociali forti”.

Com’è stato il rapporto con una star come Kelly Lang e che impressione ha avuto dei nostri territori?

“Kelly ha accettato subito di prendere parte alla nostra iniziativa, anche perchè colpita dall’argomento, la violenza sulle donne. Sulle impressioni ed altre tematiche non abbiamo potuto parlare molto perchè abbiamo avuto due giorni molto intensi, quelli in cui abbiamo girato le scene, e siamo dunque stati impegnatissimi”.

Avrebbe mai pensato che il corto arrivasse fino alla Mostra del Cinema di Venezia?

“No, è stata una soddisfazione enorme, inattesa”.

Quali sono i suoi progetti futuri come produttore?

“L’azienda che dirigo, la RVM, si occupa di produzioni cinematogradiche ed è un brand che fa capo alla Young Fashion Agency Production, agenzia di moda. A breve scadenza gireremo un altro cortometraggio che parla di un altro importante tema sociale, l’amore omosessuale, e due lungometraggi cui potrebbe prendere parte una nota attrice italiana, di cui, anche per scaramanzia, preferisco non rivelare il nome”.