Contro il Bologna per chiudere l’anno in bellezza e dimenticare Milano

Contro il Bologna per chiudere l’anno in bellezza e dimenticare Milano

Al San Paolo, il Napoli cerca l’immediato riscatto dopo la disfatta del Meazza. Assenze pesanti per Ancelotti


NAPOLI – A Napoli v Bologna l’ingrato e delicato compito di far dimenticare in fretta e furia il disastro di Milano. La sconfitta contro l’Inter ha lasciato strascichi evidenti e non solo sotto il profilo del calcio giocato. I fatti di cronaca, hanno (giustamente) prevalso sull’aspetto sportivo e invitano nuovamente alla riflessione, per l’ennesima volta.

Ma in questo frangente ci occupiamo di calcio giocato, di un pallone e ventidue calciatori che si contendono la vittoria. Di altre faccende attigue, si occupano altre persone; nel frattempo c’è una partita di campionato da raccontare, di una squadra, il Napoli, che deve immediatamente cambiare profilo e mentalità e riprendere il cammino, come se niente fosse avvenuto.

Battere il Bologna per cambiare registro e chiudere l’anno in bellezza e, soprattutto, un Dicembre azzurro davvero molto particolare: il Napoli si trova lì dove dove deve essere, ovvero a ricoprire il ruolo di prima antagonista della Juventus, ma va detto, ad onor del vero, che il gioco espresso dalla squadra non va di pari passo ai risultati e talvolta, faticano ad arrivare anche questi ultimi.

Ancelotti è e resterà un grande allenatore, la cui carriera parla per lui ma, non diremmo eresie se dicessimo che qualche scelta tecnica del mister, ultimamente ha suscitato qualche perplessità (per usare un eufemismo) e la qualità del gioco del Napoli delle ultime uscite non è stato esaltante. Lungi dal criticare l’allenatore di una squadra saldamente al secondo posto in campionato dietro una corazzata imbattibile ma, sicuramente, un altro allenatore, con un altro palmares ed un carisma minore rispetto a quello del mister, sarebbe stato messo sulla graticola.

Ultima possibilità per mister Inzaghi a Bologna

Piccoli appunti che sono nulla a confronto dela condizione in cui versa il Bologna, atteso Sabato alle 18.00 al San Paolo. Il destino di Inzaghi sulla panchina felsinea è appeso ad un sottile filo che potrebbe spezzarsi proprio dopo la trasferta  di Napoli, in caso di risultato negativo. Ed è per questo che ci sarà da aspettarsi un Bologna decisamente guardingo, come delle corde del suo mister, da sempre fautore di un calcio più conservatore che propositivo.

Il Napoli dovrà fare sua la gara non aspettando gli ultimi spiccioli di partita, ma essere “cattivo” e cinico così come non lo è stato in queste ultime apparizioni. E dovrà farlo con una formazione assai diversa da quella proposta a San Siro, ma non per lo scientifico turnover applicato da Ancelotti.

Dopo Milano, il Napoli si ritrova a dover rinunciare in colpo solo a Hamsik (infortunato) e Koulibaly ed Insigne, espulsi e squalificati. Potrebbe esserci spazio per Verdi, nel ruolo di seconda punta dietro Milik o Mertens. A centrocampo dovrebbe essere uno tra Ruiz o Zielinski a fare da vice-Hamsik mentre in difesa, Maksimovic potrebbe usufruire di un gettone da titolare. Ovviamente, niente di ufficiale; si parla di semplici supposizioni che potranno essere smentite da qui a poche ore.

La scorsa stagione finì con la vittoria degli azzurri per 3:1. Allo svantaggio fulmineo di Palacio risposero un’autorete di Mbaye ed una doppietta di Mertens. L’idea ed il buon proposito di fine anno è di ripetere questo risultato, magari accompagnandolo con una prestazione da Napoli vero, quello che siamo abituati ad ammirare da un bel po’ di tempo e di cui sentiamo nostalgia.

Contro il Bologna si cercherà di brindare con una vittoria per chiudere il 2018 in bellezza, un anno che resterà ben impresso nella memoria dei tifosi del Napoli, mai così vicino allo Scudetto. Ma è inutile e dannoso parlare del passato e rivangare ricordi belli ma altrettanto dolorosi. Una mentalità vincente si ottiene guardando al presente e poi al futuro. Il presente del Napoli si chiama Bologna, il futuro lo scopriremo solo vincendo. Buon 2019 a tutti.

RESTA SINTONIZZATO CON NOI
CLICCA SULLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK