Contrabbando, 8 tonnellate di sigarette sequestrate in un tir di surgelati

Contrabbando, 8 tonnellate di sigarette sequestrate in un tir di surgelati

Scoperto un doppio fondo ricavato lungo tutta la base del semirimorchio nel quale erano stoccate sette tonnellate di sigarette destinate all’area napoletana. L’autista è stato arrestato e il camion sequestrato


HINTERLAND – Oltre otto tonnellate di sigarette estere di contrabbando, per un valore di 700.000 euro e tributi evasi per 1,3 milioni di euro, sono state scoperte e sequestrate in due distinte operazioni nel Napoletano dalla Guardia di Finanza che ha arrestato tre persone.  Nell’area di servizio “Teano” dell’autostrada A1 Napoli-Roma, durante il controllo di un Tir con targa bulgara e autista greco, dietro bancali di vegetali surgelati, i finanzieri del Gico hanno scoperto un doppio fondo ricavato lungo tutta la base del semirimorchio nel quale erano stoccate sette tonnellate di sigarette destinate all’area napoletana. L’autista è stato arrestato e il Tir sequestrato.

Nell’altra operazione le Fiamme Gialle hanno scoperto in un furgone a Casoria (Napoli), in un’abitazione di Casavatore (Napoli) e in un garage di Orta di Atella (Caserta) circa una tonnellata di sigarette di contrabbando. Due persone sono state arrestate e tre denunciate in stato di libertà. Inoltre in un appartamento a Casalnuovo di Napoli sono stati trovati e sequestrati circa 33 mila euro in contante e un orologio Rolex d’oro, ritenuti proventi del contrabbando. Nel 2015, la Guardia di Finanza di Napoli ha sequestrato 70 tonnellate di sigarette e ha accertato il consumo in frode di ulteriori 24 tonnellate, con una stima dei tributi evasi per oltre 10 milioni di euro.