La terra continua a tremare, questa mattina due scosse sul Matese: 4.2 e 3.7. Poi ancora altre di assestamento

La terra continua a tremare, questa mattina due scosse sul Matese: 4.2 e 3.7. Poi ancora altre di assestamento

L’area interessata è la stessa del 29 dicembre, al momento non si registrano danni Il centro Sismologo Euro-Mediterraneo ed il Centro Meteo


L’area interessata è la stessa del 29 dicembre, al momento non si registrano danni

Il centro Sismologo Euro-Mediterraneo ed il Centro Meteo Italiano confermano, questa mattina alle 8:12 c’è stata una scossa magnitudo 4.2 della scala Richter con epicentro ancora sul Matese, ad 11,1 km di profondità. Le scosse sono state avvertite a Napoli e in tutta la provincia.

9 minuti dopo, alle 8:21, una seconda scossa più leggera, che ha fatto registrare il 2.6, mentre alle 8:55 i sismografi ne hanno registrata un’altra di moderatà intensità, 3.7 gradi. L’area interessata è quella tra i comuni di Castello Matese, Gioia Sannitica, Piedimonte Matese, San Gregorio Matese, San Potito Sannitico, Cusano Mutri e Faicchio, ovvero la stessa che subì la forte scossa del 29 dicembre ed il successivo sciame sismico.

Complice l’ora, tanti i residenti ancora a casa che hanno avvertito il suolo tremare per una quindicina di secondi. A quanto risulta, la scossa non ha provocato danni particolari. In mattinata sono proseguite le scosse di assestamento: altre due, entrambe di intensità 2.1, infatti, sono state registrate alle 10:00 ed alle 10:27, mentre una del 2.5 è arrivata alle 11:11.