Truffa dei falsi contratti gas e luce: nei guai membri di una società del napoletano

Truffa dei falsi contratti gas e luce: nei guai membri di una società del napoletano

AREZZO – I Carabinieri della Stazione di Levane, frazione della provincia di Arezzo, anche grazie alle indagini condotte dalla Stazione Carabinieri di San Giovanni Valdarno,


AREZZO – I Carabinieri della Stazione di Levane, frazione della provincia di Arezzo, anche grazie alle indagini condotte dalla Stazione Carabinieri di San Giovanni Valdarno, hanno deferito in stato di libertà altre 4 persone, che si aggiungono alle due già denunciate. La truffa è riconducibile ad una società operante nel napoletano. Continua quindi ad espandersi il fenomeno dei contratti falsi per forniture di gas e luce: anche presso la Stazione di Levane si sono presentati una decina di cittadini perplessi a cui sono state recapitate delle lettere di conferma della avvenuta disdetta da parte di una nota azienda di energia elettrica, la quale dal canto suo era ancora volta ignara dell’accaduto.

I quattro denunciati, un cittadino marocchino, uno di origine brasiliana e due donne italiane, avrebbero quindi disdetto i contratti di fornitura dell’energia elettrica delle varie vittime ed avrebbero stipulato falsi contratti di fornitura con una diversa azienda “satellite”, il tutto accadeva ancora una volta a nome degli ignari cittadini ed apponendo per conto loro delle firme palesemente false, configurando così due reati quali la truffa e la sostituzione di persona.

I militari dell’Arma di Levane hanno dunque dato subito avvio ad attività di indagine precise ed approfondite che hanno poi portato ad identificare e deferire in stato di libertà all’autorità giudiziaria competente i quattro responsabili, collegati ad una società operante nel napoletano.

In precedenza noi de ilmeridianonews.it abbiamo ampiamente trattato l’argomento anche grazie a segnalazioni avvenute in più punti della provincia di Napoli.

LEGGI ANCHE:

Giugliano, falsi incaricati Enel: “fanno firmare contratti con le loro società”