Focolai Covid in due scuole nel napoletano: il sindaco chiude i due istituti

Focolai Covid in due scuole nel napoletano: il sindaco chiude i due istituti

Per gli studenti degli edifici interessati da oggi fino al 13 maggio si ritorna alla modalità della didattica a distanza


NAPOLETANO – In seguito allo scoppio di due focolai all’interno di due istituti scolastici, il sindaco di San Giorgio a Cremano, Giorgio Zinno ha comunicato nella giornata di ieri, attraverso un post sul suo account Facebook ufficiale, la chiusura di due plessi scolastici fino al 13 maggio.

Si tratta del Plesso Marconi e del Liceo Urbani, dove da questa mattina tutti gli studenti sono tornati a seguire le lezioni nella modalità a distanza. Tale decisione è stata presa dal primo cittadino in relazione alla comunicazione dell’Asl di attuare, come previsto dal Governo, la chiusura degli istituti al fine di evitare ulteriori contagi.  Il primo cittadino ha comunicato che tutti i ragazzi risultati positivi al Coronavirus sono sotto controllo. Di seguito le parole di Giorgio Zinno:

“Cari concittadini, dagli aggiornamenti di oggi sui casi positivi nelle scuole della nostra città, sono emersi due focolai in due diversi istituti scolastici. Come da ultimo decreto del Governo che ha stabilità la didattica in presenza, l’unica possibilità per chiudere un plesso scolastico è legata alla presenza di focolai certificati dall’Asl – ha spiegato il sindaco – Per tale motivo mai avrei voluto dover chiudere un plesso o una scuola, ma oggi ne devo chiudere ben due”.

“Leggo in messenger – ha continuato – tante persone a cui vengono segnalati focolai in questa o altra scuola. Come oggi, appena avremo notizie ufficiali e reali di situazioni pericolose agirò come sempre tempestivamente per garantire la salute dei nostri piccoli concittadini. Il primo focolaio si trova nel plesso Marconi dell’I.C. Massimo Troisi, dove vi sono attualmente 2 casi in una terza media e altri 2 casi in una seconda. Nel Liceo Carlo Urbani vi sono 3 casi in una classe terza e 4 casi in una prima. Anche questi nuovi positivi, sono compagni di classe di due alunni che si erano positivizzati e che si trovavano in quarantena. Anche in questo caso, il contagio è emerso dai tamponi di controllo”.

“Ho ricevuto poco fa – ha concluso il primo cittadino – da parte del Responsabile dell’Ambito 3 della ASL Na 3 Sud , Dott. Montella, le relazioni sulla situazione epidemiologica di entrambe le scuole, in cui é esplicitamente indicata la necessità di provvedere alla chiusura delle stesse per 14 giorni a partire daL 30 aprile, in quanto, secondo i criteri stabiliti dall Asl Na3 Sud, se vi sono nello stesso plesso in due classi diverse almeno due casi positivi, si procede alla chiusura della scuola”.